Altre pagine per Fabrizio De Andrè

Anime salve: la track list

Anime salve: la copertina dell'album
  • Prinçesa – 4:52
  • Khorakhané (A forza di essere vento) – 5:32
  • Anime salve – 0:52
  • Dolcenera – 4:59
  • Le acciughe fanno il pallone – 4:47
  • Disamistade – 5:13
  • Â cúmba – 4:03
  • Ho visto Nina volare – 3:58
  • Smisurata preghiera – 7:08

Fabrizio De Andrè e Ivano Fossati

Smisurata preghiera

album Anime salve

la nostra recensione

.. e così sia ....

Solo di questo si tratta in effetti: di una preghiera smisurata perché lunga millenni, preghiera sommessa (anche se in apparenza non lo è) rivolta direttamente al Creatore, a Colui che sta sopra le parti. Fabrizio De Andrè si è rivolto direttamente a Lui solo quando era strettamente necessario: in "Preghiera in Gennaio" scritta alla morte di Luigi Tenco

Dio di misericordia
il tuo bel Paradiso
lo hai fatto soprattutto
per chi non ha sorriso
per quelli che han vissuto
con la coscienza pura
l'inferno esiste solo
per chi ne ha paura...

in "Spiritual"

Dio del cielo io ti aspetterò
nel cielo e sulla terra io ti cercherò

Quello di Faber è un Dio poco impiccione che lascia i figli a sbrigarsela da soli, in fondo come un buon padre, come quello de "La città Vecchia

Nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi
ha già troppi impegni per scaldar la gente d'altri paraggi

Un Dio Padre che, come succede spesso, a volte viene disconosciuto dai figli:

Ho licenziato Dio
gettato via un amore
per costruirmi il vuoto
nell'anima e nel cuore.
(da "Il Cantico dei Drogati")

ed, infine, un Dio in nome del quale gli uomini han fatto le loro leggi, mettendogli in bocca parole non sue:

E se furon due guardie a fermarmi la vita,
è proprio qui sulla terra la mela proibita,
e non Dio, ma qualcuno che per noi l'ha inventato,
ci costringe a sognare in un giardino incantato
(da "Un Blasfemo")

In chiusura di questo concet Faber si rivolge direttamente a Lui con un brano a dir poco criptico: per poterlo comprendere non dovremmo mai dimenticarne il titolo, "Smisurata Preghiera".

Lo stesso Ivano Fossati ci mette sull'avviso:

"Credo che non abbiamo ancora pienamente scoperto Fabrizio De André, molte cose deve ancora dircele, le dobbiamo comprendere, riguardano il futuro. ........... In Smisurata preghiera, Fabrizio riesce a parlare con ispirazione e premonizione di un tema difficilissimo come maggioranza e minoranza. Poi c'è la musica, che è mia, ma è veramente meno importante."

E' assodato che l'idea nasce in Faber dopo la lettura della "Saga di Maqroll il gabbiere "di Alvaro Mutis, meno noto il fatto che lo stesso autore scrive anche "Gli elementi del disastro", frase riportata fedelmente e concettualmente nel brano stesso..... Possiamo definire Mutis una specie di co-autore?

Le musiche "sono" Ivano Fossati che, reduce da "Macramé", in "Smisurata Preghiera" dispiega la sua propensione jazzistica del momento e, anche in questo caso, musica e parole formano un tutt'uno.

L'umanità è nettamente tagliata in due, divisa da insormontabili barriere, quasi cieca l'una all'altra. Da una parte il "branco", le persone dabbene, quelle che seguono le leggi scritte e non scritte, consolate dalla falsa sicurezza delle regole, quasi rifugiate in alte torri che le preservano anche da possibili contagi. Distanti

dalle cose che accadono al disopra delle parole
celebrative del nulla

seguendo il loro

facile vento
di sazietà di impunità

Il "branco" della maggioranza continua da millenni, imperturbabile, la propria vita,

Sullo scandalo metallico
di armi in uso e in disuso

Ma di quale scandalo parla De André? Le armi sono vere?...Eppure nel concept non si parla di guerra... E se guerra fosse, chi sarebbero gli "eserciti" contrapposti? Maggioranza e Minoranza? E' ben vero che la maggioranza ha guerreggiato sempre durante i millenni, ma è altrettanto vero che mai la minoranza si è sognata di farlo, neppure nel caso dei Rom perseguitati e sterminati.. Ma è indiscutibilmente certa la puntigliosità con la quale Faber sceglieva i termini, quindi di scandalo si tratta e di armi pure. E' altrettanto certo che, in tutta la storia dell'uomo, la Maggioranza ha usato svariate armi contro coloro che non erano accettati dal branco: persecuzioni, stermini, dileggio, scomunica... anche la semplice calunnia può essere un'arma. Ed ogni tempo ha avuto la sua arma ed in ogni tempo qualche preconcetto è caduto solo per far posto ad un altro preconcetto, altri si sono semplicemente modificati.

Tutte queste "armi" rappresentano sicuramente una vergogna, uno scandalo, talmente evidente, palpabile, "fisico", abbacinante, "costruito" da altri uomini da poter venir definito "metallico".

Come un eterno aguzzino, è la Maggioranza

a guidare la colonna
di dolore e di fumo
che lascia le infinite battaglie al calar della sera

visto che da sempre decide regole e leggi, scordando quanto facile sia trovarsi all'improvviso fuori dalle regole e, quindi, nel mezzo della colonna di dolore.

Ma finchè và (e và da sempre), la Maggioranza snocciola un

.... rosario
di ambizioni meschine
di millenarie paure
di inesauribili astuzie

In senso assoluto, alla luce della stessa storia dell'uomo, la Maggioranza è

come una malattia
come una sfortuna
come un'anestesia
come un'abitudine

Se fosse parola lecita parlando di Faber, diremmo che con questo "verdetto storico" si chiude drasticamente il discorso sulla Maggioranza: ce ne ha fatto una sorta di ritratto che non prevede ritocchi: d'ora in poi verrà scordata, accantonata "come una malattia, come un'abitudine". Quasi impercettibilmente il suo tono cambia, senza per questo interrompersi, come il tono del pianoforte di Fossati che lo segue, la voce si dispiega perché è qui che inizia la "Smisurata Preghiera", l'orazione che Faber rivolge a Dio. Ma chi è che prega?

Forse tutti gli uomini di buona volontà, nel senso più alto e più puro del termine e pregano...

Pregano...

per chi viaggia in direzione ostinata e contraria
col suo marchio speciale di speciale disperazione

per tutti coloro che, semplicemente uomini tra gli uomini, hanno cercato di por rimedio allo scandalo, di mostrare che tutti siamo uguali, tutti figli dello stesso unico Dio, portando avanti fino in fondo la loro battaglia disperata, senza calcolare gloria o onori, forse solo

per consegnare alla morte una goccia di splendore
di umanità di verità

Pregano ....

per chi ad Aqaba curò la lebbra con uno scettro posticcio
e seminò il suo passaggio di gelosie devastatrici e di figli
con improbabili nomi di cantanti di tango
in un vasto programma di eternità

Al primo impatto sembra già d'aver trovato la chiave di lettura: Faber parla di Gesù, come già molte altre volte aveva fatto. Il più grande filosofo dell'Amore, l'aveva definito, "fratello anche mio" (come dice ne "La Buona Novella"), quell'uomo che visse

E morì come tutti si muore
come tutti cambiando colore
non si può dire non sia servito a molto
perché il male dalla terra non fu tolto
("Si chiamava Gesù")

Ma immediatamente le sue stesse parole sconfessano le nostre certezze. Aqaba, per quanto città giordana, non ha nessun legame con Gesù.. riporta invece a Maometto ed all'Hejira, l'espatrio, che lo portò ad abbandonare La Mecca per Medina. E già perdiamo l'attinenza con la lebbra.

Ancora peggio, né Gesù né Maometto possono aver generato dei "figli con improbabili nomi di cantanti di tango". C'è un altro Uomo che ha segnato, al di là delle fedi religiose o politiche, la nostra storia; un Uomo che, in un altro tempo ed in un altro continente, ha guardato a coloro che vivevano fuori dal branco. Un uomo che, ancora studente di medicina, viaggiò per oltre quattromila chilometri in compagnia di un amico in posti sperduti, fermandosi nei lebbrosari a curare i malati e che, alla fine della sua storia, lasciò figli dagli "improbabili nomi di cantanti di tango".

Un altro Uomo al quale, per motivi completamente diversi, la storia e la Maggioranza hanno consegnato uno scettro posticcio, scettro, come nel caso di Gesù e Maometto, che non era stato assolutamente richiesto: quest'uomo era Ernesto "Che" Guevara.

Che accostamenti dissacranti!! Esattamente quelli ai quali ci ha abituato Faber!

Il "Figlio di Dio", il "Profeta dell'Islam" ed il "Che" accomunati in un'unica figura come se lo stesso spirito o lo stesso DNA ricomparisse in tempi e luoghi diversi a ricordarci la "Verità"!!!

Che lezione!

Esattamente come in un rito religioso, dopo aver nominato coloro per i quali si prega, gli occhi salgono al Padre

ricorda Signore questi servi disobbedienti
alle leggi del branco

ed una supplica si leva:

non dimenticare il loro volto
che dopo tanto sbandare

(spesso brancoliamo nel tentativo di seguire la via giusta e la vita spesso mette di mezzo ostacoli che non avevamo previsto...)

è appena giusto che la fortuna li aiuti

(... è dall'inizio del tempo, Signore, che la fortuna evita quelli che sono fuori dal branco...)

come una svista
come un'anomalia
come una distrazione
come un dovere

e tutto il peso di un'umanità sofferente cala su questa parola come solo Faber avrebbe saputo fare

Assieme alle parole anche la musica incalzante e ritmata cessa: tutto ciò che c'era da dire è stato detto.

Il brano termina in una larga aria di pace...come nell'attesa che Dio accolga la smisurata preghiera...

Rosalba Crosilla e Starless

Gli altri brani

:: Prinçesa

:: Khorakhané

:: Anime salve

:: Dolcenera

:: Le acciughe fanno il pallone

:: Disamistade

:: Â cúmba

:: Ho visto Nina volare

:: Smisurata preghiera

Le nostre recensioni degli album

:: Tutti morimmo a stento

:: La buona novella

:: Creuza de Ma

:: Anime Salve

Le nostre recensioni dei brani

:: La cattiva strada

Da Youtube

Smisurata Preghiera (con introduzione alla canzone)

Il SITO

On line dal 29 settembre 2003, cresciuto nel corso degli anni ed ora "vola" ormai da solo.

Aperto a collaborazioni esterne (rarissime purtroppo), è stato voluto, costruito e scritto da me e da Starless, che ha contribuito per alcune recensioni musicali ed è l'autore della Storia del Progressive.

email

USABILITA' del SITO

Planando è realizzato secondo i canoni dell'accessibilità e le normative del W3C. in quanto credo che le informazioni contenute nella rete debbano essere usabili e leggibili da tutti.

Il linguaggio HTML.04 usato è scritto "a mano", senza l'ausilio di software. Sia il linguaggio HTML che i CSS hanno, ovviamente, passato il vaglio del W3C.

COPYRIGHT e NOTE LEGALI

Le finalità del sito sono puramente divulgative, improntate al libero scambio di idee sul web senza, per questo, contravvenire alle norme sul copyright. A tale scopo riporto il testo dell'art. 70, legge 633 dd 22 aprile 1941 (e successive modificazioni) "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", testo consolidato in vigore alla data del 29 aprile 2003: "1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."

Il sito contiene cover di album e foto di gruppi o di artisti, nonchè stralci brevissimi di testi: tutto ciò è stato reperito in rete, apparentemente apparentemente di pubblico dominio, liberamenti scaricabili ed utilizzabili nelle pagine WEB personali come le mie. Qualora qualcuno scoprisse la messa on line (a mia insaputa) di materiale coperto dal diritto di autore me lo segnali e provvederò immediatamente a rimuoverlo.

Se volete riportare testi o stralci di testo nel vostro sito, per favore contattatemi: sono disponibile al libero scambio di risorse, ma solo con siti che non ospitino materiale pornografico o comunque rivolto ad un pubblico esclusivamente adulto, materiale o frasi in qualche modo riconducibili al razzismo, nè contenga frasi o materiale istigante alla violenza contro qualsiasi essere vivente.

© Copyrights Rosalba Crosilla 2003 - all rights reserved