Altre pagine per Roberto Vecchioni

Roberto Vecchioni

Roberto Vecchioni: data di nascita 25 giugno 1943 - milanese.

Nel 1968 si laurea in lettere antiche all'Università Cattolica di Milano, dove rimane per due anni come assistente di storia delle religioni. Poi i licei classici, dove insegna per trent'anni greco e latino. Gli ultimi tre anni lavorativi li svolge come docente di "Forme di poesia in musica" presso l'Università di Torino.

C'è da dire ancora sulla vita "non artistica" di Vecchioni (anche se per gli artisti veri come lui qualsiasi aspetto della vita può diventare arte) che è sposato e padre di quattro figli.

La carriera musicale di Vecchioni inizia molto presto, negli anni 60, come autore per artisti di alto livello; continuerà a farlo soprattutto fino agli anni 70, anche dopo aver avuto successo come cantuautore, e la lista dei colleghi che cantano i suoi brani è davvero lunga, da Patty Pravo, agli Stadio, Angelo Branduardi, Anna Oxa, Gianna Nannini e i Nuovi Angeli.

Il primo album, Parabola esce nel 1971 e contiene una delle sue canzoni più note in assoluto, Luci a San Siro (interpretata nel 1991 anche da Francesco Guccini), ma passa assolutamente sotto silenzio esattamente come il successivo, Saldi di fine stagione del 1972.

Nel 1973 si presenta al Festival di San Remo con L'uomo che si gioca il cielo a dadi: il risultato è un ottavo posto, ma il pubblico inizia ad accorgersi di lui.

Nel 1974 esce Il re non si diverte e questa volta è la critica a dargli attenzione decretandolo miglior disco dell'anno. Inizia proprio in quest'anno quella che diverrà una lunghissima collaborazione con il Club Tenco.

Il successo di pubblico arriva appena nel 1977 con Samarcanda ed il brano che dà il titolo all'album entra, in breve tempo, tra i grandi classici della musica cantautoriale. Cinica, ironica, con una gran dose di filosofia (come Vecchioni stesso) che colpisce tutti coloro che l'ascoltano con attenzione

"Salvami, salvami grande sovrano
fammi fuggire, fuggire di qua
alla parata lei mi stava vicino
e mi guardava con malignità"
"Dategli, dategli un animale,
figlio del lampo, degno di un re
presto, più presto perché possa scappare
dategli la bestia più veloce che c'è".

Ma non è possibile sfuggire al destino: tentiamo, noi, piccoli uomini, ma anche i nostri tentativi fanno parte del destino stesso che c'attente, paziente, a Samarcanda. Forse la gran parte del pubblico viene catturato dal ritmo festoso e trascinante, ma va comunque bene: il ghiaccio è rotto.

Nel 1978 è la volta di Calabuig, Stranamore e altri incidenti, album particolare, ricco di metafore letterarie, poi nuovamente i testi autobiografici con Robinson dell'anno successivo. In particolare, particolarmente autobiografico è il brano Signor Giudice, con riferimento all'accusa per spaccio di droga che pendeva in quel periodo sulla testa di Vecchioni (sembra che avesse offerto uno spinello in un concerto ad un ragazzo del pubblico)

Le uscite, poi, si susseguono regolarmente fino a far raggiungere il considerevole traguardo dei 30 album incisi e, nel 2011, la vittoria del Festival di Sanremo con la canzone Chiamami ancora amore.

Ma il professore non si è limitato alle canzoni: nel frattempo ha pubblicato poesie, racconti ed un romanzo, mentre continua la sua attività di insegnante di liceo e di docente presso la facoltà di "Scienze della Formazione" dell'Università di Torino.

Rosalba Crosilla

Pubblicato nel 2009 - rivisitato nel 2012

Le foto

Roberto Vecchioni
Roberto Vecchioni
Roberto Vecchioni
Roberto Vecchioni
Fabrizio De Andrè
Roberto Vecchioni - Sanremo 2011

Il SITO

On line dal 29 settembre 2003, cresciuto nel corso degli anni ed ora "vola" ormai da solo.

Aperto a collaborazioni esterne (rarissime purtroppo), è stato voluto, costruito e scritto da me e da Starless, che ha contribuito per alcune recensioni musicali ed è l'autore della Storia del Progressive.

email

USABILITA' del SITO

Planando è realizzato secondo i canoni dell'accessibilità e le normative del W3C. in quanto credo che le informazioni contenute nella rete debbano essere usabili e leggibili da tutti.

Il linguaggio HTML.04 usato è scritto "a mano", senza l'ausilio di software. Sia il linguaggio HTML che i CSS hanno, ovviamente, passato il vaglio del W3C.

COPYRIGHT e NOTE LEGALI

Le finalità del sito sono puramente divulgative, improntate al libero scambio di idee sul web senza, per questo, contravvenire alle norme sul copyright. A tale scopo riporto il testo dell'art. 70, legge 633 dd 22 aprile 1941 (e successive modificazioni) "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", testo consolidato in vigore alla data del 29 aprile 2003: "1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."

Il sito contiene cover di album e foto di gruppi o di artisti, nonchè stralci brevissimi di testi: tutto ciò è stato reperito in rete, apparentemente apparentemente di pubblico dominio, liberamenti scaricabili ed utilizzabili nelle pagine WEB personali come le mie. Qualora qualcuno scoprisse la messa on line (a mia insaputa) di materiale coperto dal diritto di autore me lo segnali e provvederò immediatamente a rimuoverlo.

Se volete riportare testi o stralci di testo nel vostro sito, per favore contattatemi: sono disponibile al libero scambio di risorse, ma solo con siti che non ospitino materiale pornografico o comunque rivolto ad un pubblico esclusivamente adulto, materiale o frasi in qualche modo riconducibili al razzismo, nè contenga frasi o materiale istigante alla violenza contro qualsiasi essere vivente.

© Copyrights Rosalba Crosilla 2003 - all rights reserved