Le pietre miliari del Progressive Rock!

Pink Floyd

Genesis

King Crimson

Recensioni extras:

Octan

(Spock's Beard)

Nuovo attesissimo lavoro per la band americana giunta oramai all'ottavo studio album. Nati nella prima metà degli anni novanta gli Spock's Beard si sono presto guadagnati un posto d'onore nella lista dei grandi del new progressive. I punti di riferimento sono ovviamente gli anni settanta e non di rado certa critica intransigente, pur lodandone le qualità, tratta la band in termini di poca originalità etichettando spesso la loro musica come retro-prog.

L'album d'esordio "The Light" è comunque considerato fra i più importanti di questo filone, considerando anche il fatto che il disco contiene solo quattro lunghissimi brani di puro concentrato di tecnica. I rifacimenti a Genesis e Yes ( il batterista-cantante Nick D'Virgilio ha registrato proprio con i Genesis "Call all stations" subentrando a Phil Collins) appaiono più che evidenti, ma le composizioni sono originalissime.

La mente e l'anima degli Spock' è stata, fino a qualche anno fa, il compositore polistrumentista Neal Morse, da più parti definito autentico genio, non senza fondamento; autore molto creativo il problema di Neal sta proprio nella sua straripante personalità che ha relegato in secondo piano tutti gli altri grandissimi musicisti, tra cui lo stesso Nick D'Virgilio, il tastierista Ryo Okumoto ( ha collaborato, tra l'altro, con Phil Collins, Eric Clapton, Steve Lukathe), il bassista Dave Meros e il chitarrista Alan Morse. Ed ecco che quando Neal abbandona per addentrarsi in un percorso spirituale tanto intimo quanto discutibile la band, sulla falsa riga del redivivo D'Virgilio, cambia rotta e riparte con "Feel euphoria". Per pura coincidenza è la medesima situazione della storia dei Genesis del periodo post-Gabriel, ma direi con risultati assolutamente diversi, per fortuna!

Per chi ha amato gli Spock's dell'ex Neal Morse, il nuovo album piacerà ben poco, come il predecessore "Feel euphoria", credo anche per dei maggiori risvolti hard-rock che i musicisti propongono. Per chi invece, come me, ha trovato proprio nello spartiacque "Feel euphoria" nuova linfa vitale e nuove soluzioni musicali, quest'ultimo lavoro convincerà a pieno.

Parliamo dunque di questo "Octane" e ciò che emerge è l'assenza delle grandi suite di una volta, ma in un periodo in cui i brani lunghissimi non riscontrano più tanto fascino, questo può essere un punto favorevole.

"A Flash before my eyes" in realtà molto si avvicina alla denominazione di suite, con le classiche parti riarrangiate a più riprese. Il tema iniziale "The ballet of the impact" presenta subito ottime melodie dissonanti e viene riproposto nel settimo tempo "Of the beauty of it all".

Le idee sono semplici e molteplici, come nella zeppeliniana "Surfing down the avalanche" o nella grandiosa ballad "She is everything", con un intenso solo del chitarrista Alan Morse in evidenza. E' molto gradevole ascoltare il nuovo sound degli Spock's Beard che divaga anche tra country e pop ( "I wouldn't let it go") ma soprattutto convince la prestazione del batterista Nick D'Virgilio dietro il microfono. "There was a time" è una canzone molto leggera facilmente passabile anche per radio, come anche "Watching the tide", mentre se si vuole saggiare l'incredibile talento dei musicisti, basta ascoltare "Clumbing up that hill" o "NWC". Delizioso è infine il break di Okumoto sul mellotron in "Letting go".

Cosa dire di più di un disco che a me piace tantissimo, soprattutto perchè la strada intrapresa dal combo americano è sempre più aperta verso nuovi spazi che non siano solo progressive.

Album consigliati: "The Light", "Snow","V", "Feel Euphoria".

Michele De Felice - The Snow Camel

Tracks list

copertina Spock’s Beard - Octane
copertina Spock's Beard - Octane
  • - A FLASH BEFORE MY EYES -
  • 01 (5:34) THE BALLET OF THE IMPACT
  • ................ (I) prelude to the past
  • ................ (II) the ultimate quiet
  • ................ (III) a blizzard of my memories
  • 02 (4:53) I WOULDN'T LET IT GO
  • 03 (3:43) SURFING DOWN THE AVALANCHE
  • 04 (5:46) SHE IS EVERYTHING
  • ................ (I) strange what you remember
  • ................ (II) words of forever
  • 05 (3:31) CLIMBING UP THAT HILL
  • 06 (1:52) LETTING GO
  • 07 (4:53) OF THE BEAUTY OF IT ALL
  • ................ (I) I could paint a picture
  • ................ (II) into the great unknowable
  • 08 (4:15) NWC
  • 09 (4:58) THERE WAS A TIME
  • 10 (4:52) THE PLANET'S HUM
  • 11 (5:56) WATCHING THE TIDE
  • 12 (5:35) AS LONG AS WE RIDE
  • La formazione: Nick D'Virgilio / lead vocals, drums, percussion, guitar, bass, programming, keyboards
  • Alan Morse / guitar, saw, cello, vocals
  • Ryo Okumoto / keyboards, vocals
  • Dave Meros / bass, bass pedals, French horn, vocals

Chi erano:

Il SITO

On line dal 29 settembre 2003, cresciuto nel corso degli anni ed ora "vola" ormai da solo.

Aperto a collaborazioni esterne (rarissime purtroppo), è stato voluto, costruito e scritto da me e da Starless, che ha contribuito per alcune recensioni musicali ed è l'autore della Storia del Progressive.

email

USABILITA' del SITO

Planando è realizzato secondo i canoni dell'accessibilità e le normative del W3C. in quanto credo che le informazioni contenute nella rete debbano essere usabili e leggibili da tutti.

Il linguaggio HTML.04 usato è scritto "a mano", senza l'ausilio di software. Sia il linguaggio HTML che i CSS hanno, ovviamente, passato il vaglio del W3C.

COPYRIGHT e NOTE LEGALI

Le finalità del sito sono puramente divulgative, improntate al libero scambio di idee sul web senza, per questo, contravvenire alle norme sul copyright. A tale scopo riporto il testo dell'art. 70, legge 633 dd 22 aprile 1941 (e successive modificazioni) "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", testo consolidato in vigore alla data del 29 aprile 2003: "1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."

Il sito contiene cover di album e foto di gruppi o di artisti, nonchè stralci brevissimi di testi: tutto ciò è stato reperito in rete, apparentemente apparentemente di pubblico dominio, liberamenti scaricabili ed utilizzabili nelle pagine WEB personali come le mie. Qualora qualcuno scoprisse la messa on line (a mia insaputa) di materiale coperto dal diritto di autore me lo segnali e provvederò immediatamente a rimuoverlo.

Se volete riportare testi o stralci di testo nel vostro sito, per favore contattatemi: sono disponibile al libero scambio di risorse, ma solo con siti che non ospitino materiale pornografico o comunque rivolto ad un pubblico esclusivamente adulto, materiale o frasi in qualche modo riconducibili al razzismo, nè contenga frasi o materiale istigante alla violenza contro qualsiasi essere vivente.

© Copyrights Rosalba Crosilla 2003 - all rights reserved