Altre pagine per i Pink Floyd

Approfondimenti

Le foto

Pink Flloyd: la prima formazione con (da sinistra) Roger Waters, Nick Mason, Syd Barrett e Rick Wright
Pink Flloyd: la prima formazione con (da sinistra) Roger Waters, Nick Mason, Syd Barrett e Rick Wright
Pink Flloyd: la seconda formazione con ancora Syd Barrett ed un appena arrivato David Gilmour. Da sinistra: Nick Mason, Syd Barrett, Roger Waters e Rick Wright; davanti David Gilmour
Pink Flloyd: la seconda formazione con ancora Syd Barrett ed un appena arrivato David Gilmour. Da sinistra: Nick Mason, Syd Barrett, Roger Waters e Rick Wright; davanti David Gilmour
Pink Flloyd: formazione definitiva.  Da sinistra, dietro Nick Mason, davanti David Gilmour, Roger Waters e Rick Wright
Pink Flloyd: formazione definitiva. Da sinistra, dietro Nick Mason, davanti David Gilmour, Roger Waters e Rick Wright
1970 - Concerto in Hyde Park
1970 - Concerto in Hyde Park
1971- Film-Concerto Live at Pompei
1971- Film-Concerto Live at Pompei
1971- Film-Concerto Live at Pompei (2)
1971- Film-Concerto Live at Pompei (2)
1971- David Gilmour - Live at Pompei
1971- David Gilmour - Live at Pompei
Syd Barrett
Syd Barrett

Pink Floyd

Pink Floyd, sinonimo di psichedelia, di ricerca e di innovazione.

Si dice che costruissero la loro musica come fosse una vera e propria opera architettonica, certo le basi per farlo le avevano, visto che uscivano tutti, tranne Barrett, da una scuola d'arte

Quattro ragazzi coetanei (le date di nascita variano dal 1944 al 1946), Roger Waters, Richard "Rick" Wright, Nick Mason e quel Roger Keith "Syd" Barrett, che ben presto diventerà tanto presente nei testi e nelle musiche dei Pink Floyd, quanto assente fisicamente.

E' Syd Barrett a dare il nome al gruppo, unendo i nomi dei due jazzisti Pink Anderson e Floyd Councille e sarà lo stesso Syd Barrett a scrivere i primi testi, visionari e lisergici esattamente come la sua mente sconvolta dal LSD, ma assolutamente unici, innovativi, insomma assolutamente splendidi

I Pink Floyd iniziano a suonare nel 1965 al "Marquee", locale ormai entrato nel mito per i moltissimi futuri grandi che si susseguirono fra le sue mura e proprio lì incontrano Peter Jenner che diventa il loro primo manager.

Nel 1967, dopo due singoli ("Arnold Layne" e "See Emily Play") di buon successo, esce il primo album, "The Piper At The Gates Of Dawn", che vola in testa alle classifiche. Atmosfere da sogno, filastrocche infantili che si aprono sul folle mondo di Barrett, suoni innovativi: l'album porta già il marchio Pink Floyd.

Ma i Pink Floyd non usano solo le musiche ed i testi: i loro concerti segnano una svolta anche dal punto di vista multimediale.

Luci psichedeliche si agganciano a filmati che colpiscono il pubblico trasportandolo in una dimensione irreale ed artisticamente perfetta.

Dopo un solo anno, nel 1968, Barrett cede allo stress della notorietà, al cambiamento di vita e la sua mente geniale quanto fragile si perde in quella dimensione costruita artificiosamente; è morto il 7 luglio 2006, Syd Barrett, dopo che, per quarant'anni, la sua vita si è srotolata lentamente e senza tempo tra le case di cura per malattie psichiatriche e la casa materna……

Nel gruppo il suo posto viene preso dall'amico David Gilmour ed il suo ingresso fa sì che la musica dei Pink Floyd abbia risonanze più vicine alla tradizione rock e blues; il suo stile chitarristico si fonde perfettamente con le composizioni di Waters e continua la ricerca di sonorità "diverse".

Gilmour non ha praticamente neppure il tempo di "capire" il gruppo che si inizia la stesura di "Ummagumma", uscito nel 1969, nel quale, alla pari degli altri, si ritrova a dover comporre testi e musica di uno dei brani ("The Narrow Way") e se la cava egregiamente.

L'album è diviso in due parti distinte: la prima registrata dal vivo durante i concerti, la seconda formata da "singoli" scritti ed eseguiti dai componenti del gruppo. Con lunghissime le digressioni puramente strumentali difficili da catalogare, con gli incredibili cambi di stile, con sonorità che a tratti portano l'ascoltatore avanti di decenni, forse è spiegabile solo dallo stesso titolo che, in slang stretto, ha il significato di atto sessuale; "Ummagumma", accolto calorosamente dalla critica, ma troppo innovativo per venir digerito facilmente dalla massa, per molti è ancora oggi l'album top dei Pink Floyd e sicuramente è l'album di svolta dopo Barrett.

Il 1970 è l'anno di "Atom Heart Mother" (recensione) che segna la loro entrata definitiva nella storia della musica: perfezionismo ed anima, in loro, sono fusi sapientemente in un modo praticamente introvabile in altri gruppi.

Roger Waters ha ormai la leadership del gruppo, ma le sue fobie ben presto determineranno allo sfacelo totale: impossibile lavorargli accanto, impossibile opporsi alle sue idee, mentre il successo ormai arrivato e le conseguenti lughissime tournee che i quattro devono affrontare, non aiutano certo a sedare gli animi.

Dopo "Meddle" del 1971 e "Live At Pompei", che diventerà un memorabile film nel 1972, i Pink Floyd sfornano, nel mazo 1973, il memorabile "Dark Side of the Moon" (recensione), nel quale le suite lunghissime lasciano spazio a brani più "normali". Sicuramente di più facile ascolto (non per questo inferiore ai precedenti) e di più facile impatto sulla massa "Dark Side" è l'apoteosi: più di 30 milioni di copie vendute fino al 1998, in classifica negli Stati Uniti ininterrottamente per 13 anni (... poi la rivista Billboard decise che il limite massimo erano 10 anni di permanenza...), è considerato uno tra le cinque pietre miliari della storia del rock.

Si prepara per i Pink Floyd un periodo massacrante: un anno e mezzo di tour senza soste, di concerti in tutto il mondo è il prezzo da pagare per un successo del tutto inaspettato.

Ovviamente, a queste condizioni, le nuove creazioni subiscono un fortissimo rallentamento e l'album successivo, "Wish You Were Here" (recensione) uscirà appena nel settembre del 1975. Emblematico, come tutte le opere dei Pink Floyd, ci riporta le lunghissime suite e le riprese abbandonate con "Dark Side" ma non troviamo niente di bucolico: l'atmosfera è fredda, come freddo è il business, mentre, a tratti, veniamo sommersi da una profonda malinconia .. da ciò che, in fondo, i quattro hanno perso per la fama. La visione di Roger Waters ci appare chiara: prigioniero di un mondo che non voleva, che sente totalmente nemico ... e nessuna via di fuga è possibile.

"Animals" del 1977 riconferma e sottolinea ancora di più questa visione. Orwell, ne "La fattoria degli animali", non dava speranza: anche dopo la più rivoluzionaria delle rivoluzioni, se "tutti gli animali sono uguali, qualcuno è più uguale degli altri". Nelle profondità contorte dell'animo di Waters il "muro", "The Wall" sta prendendo connotati sempre più precisi e l'anno di tour che segue l'uscita di "Animals sicuramente butta benzina sul fuoco.

"The Wall" (recensione) esce del 1979 e, in lunghissimo e complicato doppio, Waters riesce forse a dar voce a sè stesso. Altro successo clamoroso! Malgrado la complessità dei temi trattati, malgrado la lunghezza dell'album "The Wall" diventa la voce di una generazione e, a trent'anni di distanza, le sue tematiche continuano ad essere attuali tanto che all'album segue, nel 1982, il film, con la regia di Alan Parker e Bob Geldof nel ruolo del protagonista Pink e, nel 1990, a festeggiare il primo anniversario della caduta del muro di Berlino (ed a Pink Floyd già sciolti), "The Wall" è lì, in un mega concerto, con il solo Roger Waters ed altri artisti del calibro di Bryan Adams, Marianne Faithfull, James Glaway, Ute Lemper, Joni Mitchell, Van Morrison e Sinead O'Connor.

“The Final Cut - a requiem for the post war dream” , pubblicato nell'83, è l'ultimo album a formazione apparentemente completa, visto che in realtà sia i testi che le musiche sono di Waters.

I Pink Floyd sono arrivati al capolinea, spinti inesorabilmente dalla visione distorta che il suo leader ha del mondo.

Dopo lunghe battaglie legali per la vera e propria detenzione del nome, Gilmour, Mason e Wright (quest'ultimo in modo marginale) registrano nel 1987 "Momentary Lapse Of Reason"; la risalita è difficile e non si toccheranno più le vette precedenti.

Eppure i Pink Floyd continueranno ad essere dei pilastri nella storia della musica, pilastri non relegati nei ricordi ma vivi e presenti nella vita di tutti noi.

Evento epico la loro momentanea riunione sul palco di Londra del Live 8 (il 2 luglio 2005), mega concerto voluto da Bob Geldof in corrispondenza con la riunione del G8 a Gleneagles per dar voce a coloro che al G8 non hanno rappresentanti.

I Pink Floyd erano lì: David Gilmour accanto a Roger Waters, entrambi contenti di quel passo che c'ha messo 20 anni per venir compiuto.

Rosalba Crosilla

Pubblicato nel 2004 - rivisto nel 2005

Le nostre recensioni

:: Atom Heart Mother

:: Dark Side of the Moon

:: Wish You Were Here

:: The Wall

:: The Final Cut

:: Roger Water: The Wall concerto 2013

Le Foto

Roger Waters
Roger Waters
Roger Waters
Roger Waters
David Gilmour
David Gilmour
David Gilmour
David Gilmour

Da Youtube

Pink Floyd - Live 8 - Wish You Were Here - 2 luglio 2005

Il SITO

On line dal 29 settembre 2003, cresciuto nel corso degli anni ed ora "vola" ormai da solo.

Aperto a collaborazioni esterne (rarissime purtroppo), è stato voluto, costruito e scritto da me e da Starless, che ha contribuito per alcune recensioni musicali ed è l'autore della Storia del Progressive.

email

USABILITA' del SITO

Planando è realizzato secondo i canoni dell'accessibilità e le normative del W3C. in quanto credo che le informazioni contenute nella rete debbano essere usabili e leggibili da tutti.

Il linguaggio HTML.04 usato è scritto "a mano", senza l'ausilio di software. Sia il linguaggio HTML che i CSS hanno, ovviamente, passato il vaglio del W3C.

COPYRIGHT e NOTE LEGALI

Le finalità del sito sono puramente divulgative, improntate al libero scambio di idee sul web senza, per questo, contravvenire alle norme sul copyright. A tale scopo riporto il testo dell'art. 70, legge 633 dd 22 aprile 1941 (e successive modificazioni) "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", testo consolidato in vigore alla data del 29 aprile 2003: "1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."

Il sito contiene cover di album e foto di gruppi o di artisti, nonchè stralci brevissimi di testi: tutto ciò è stato reperito in rete, apparentemente apparentemente di pubblico dominio, liberamenti scaricabili ed utilizzabili nelle pagine WEB personali come le mie. Qualora qualcuno scoprisse la messa on line (a mia insaputa) di materiale coperto dal diritto di autore me lo segnali e provvederò immediatamente a rimuoverlo.

Se volete riportare testi o stralci di testo nel vostro sito, per favore contattatemi: sono disponibile al libero scambio di risorse, ma solo con siti che non ospitino materiale pornografico o comunque rivolto ad un pubblico esclusivamente adulto, materiale o frasi in qualche modo riconducibili al razzismo, nè contenga frasi o materiale istigante alla violenza contro qualsiasi essere vivente.

© Copyrights Rosalba Crosilla 2003 - all rights reserved