Monsieur le Swing - Il jazz e l’Europa

i capitoli

I protagonisti

Miles Davis
Miles Davis
Django Reinhardt
Django Reinhardt

Monsieur le Swing

Il jazz e l’Europa

Il linguaggio universale - I cap.

La globalizzazione, orribile neologismo usato a qualificare il nostro tempo e dividere le coscienze, è anche un fenomeno che oggi, nelle forme e nelle espressioni, tende ad imporre canoni di riferimento universali che finiscono spesso per avvilire o, peggio, cancellare tradizioni locali ricche ed affascinanti. Ma è sempre stato così?

Io credo che non ci fosse bisogno alcuno d’inventare questa parola, perché, forsennate accelerazioni a parte, è dalla rivoluzione industriale in poi che viviamo in un sistema sociale che contabilizza, esporta ed internazionalizza popoli, idee e contraddizioni; e nella scia di questo rullo compressore sono rimasti anche fermenti d’arte, d’ingegno, di vita che hanno trovato fertile applicazione dov’era logico che avvenisse o dove quando e meno te l’aspettavi.

Nella musica, il jazz è stato globalizzato prima di qualunque altro genere, e questo non deve certo stupirci, chè proprio nella più europea delle città americane si trova il certificato di nascita del jazz, che è internazionale già nelle sue origini per via della formidabile applicazione, in quelle regioni, delle antiche poliritmie popolari di gente che lì, a dirla tutta, non avrebbe dovuto esserci per nulla.

Certo non c’interessa, qui, proporre la storia di questa musica e dei come e perché del tempo sincopato, dell’improvvisazione solista sul tema o sull’armonia e dello swing, nè la poesia sporca e struggente di tanti suoi eroi, ma fare invece un bel salto nel tempo, e valutare il suo impatto sulla vecchia Europa, dove finì per rappresentare la naturale risposta alle richieste della modernità, rompendo le demarcazioni tra basso e alto, plebeo e colto che si erano costituite e consolidate da secoli.

Dal momento in cui superò Gibilterra, il jazz ha regalato al vecchio continente momenti irripetibili, nell’ambito musicale e non solo (nella mia esperienza personale, ad esempio, l’emblema di questa contaminazione resterà l’incontro di Miles Davis con il cinema francese, che avrebbe poi dato luogo alla splendida musica scritta su “Ascenseur pour l’échafaud” di Louis Malle).

Va detto che già prima, nel periodo fra il primo ed il secondo conflitto mondiale, Parigi, capitale internazionale dell’arte e della cultura, esibiva al mondo la propria eccezionale capacità di accogliere, mediare ed amalgamare esperienze “altre” (e proprio a quell’insuperata capacità di “mélange” si riferì il nostro Paolo Conte con la sua sottovalutata operazione culturale “Razmataz”). A confermarlo basti ricordare la figura di Django Reinhardt, famoso per la sua straordinaria tecnica chitarristica sviluppata nonostante la grave menomazione alla mano sinistra (aveva perso l’uso di due dita sfuggendo per un soffio all’incendio del suo carrozzone), che proprio a Parigi visse quegli anni, da lui dedicati a combinare la musicalità gitana delle sue origini con ciò che apprese dai musicisti di colore d'oltre oceano, a costruzione di un modello musicale ancora oggi inimitabile.

>>2. ".. da prendere sul serio ..."

Da Youtube

Miles Davis - So What - 1959

Il SITO

On line dal 29 settembre 2003, cresciuto nel corso degli anni ed ora "vola" ormai da solo.

Aperto a collaborazioni esterne (rarissime purtroppo), è stato voluto, costruito e scritto da me e da Starless, che ha contribuito per alcune recensioni musicali ed è l'autore della Storia del Progressive.

email

USABILITA' del SITO

Planando è realizzato secondo i canoni dell'accessibilità e le normative del W3C. in quanto credo che le informazioni contenute nella rete debbano essere usabili e leggibili da tutti.

Il linguaggio HTML.04 usato è scritto "a mano", senza l'ausilio di software. Sia il linguaggio HTML che i CSS hanno, ovviamente, passato il vaglio del W3C.

COPYRIGHT e NOTE LEGALI

Le finalità del sito sono puramente divulgative, improntate al libero scambio di idee sul web senza, per questo, contravvenire alle norme sul copyright. A tale scopo riporto il testo dell'art. 70, legge 633 dd 22 aprile 1941 (e successive modificazioni) "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", testo consolidato in vigore alla data del 29 aprile 2003: "1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."

Il sito contiene cover di album e foto di gruppi o di artisti, nonchè stralci brevissimi di testi: tutto ciò è stato reperito in rete, apparentemente apparentemente di pubblico dominio, liberamenti scaricabili ed utilizzabili nelle pagine WEB personali come le mie. Qualora qualcuno scoprisse la messa on line (a mia insaputa) di materiale coperto dal diritto di autore me lo segnali e provvederò immediatamente a rimuoverlo.

Se volete riportare testi o stralci di testo nel vostro sito, per favore contattatemi: sono disponibile al libero scambio di risorse, ma solo con siti che non ospitino materiale pornografico o comunque rivolto ad un pubblico esclusivamente adulto, materiale o frasi in qualche modo riconducibili al razzismo, nè contenga frasi o materiale istigante alla violenza contro qualsiasi essere vivente.

© Copyrights Rosalba Crosilla 2003 - all rights reserved