Monsieur le Swing - Il jazz e l’Europa

i capitoli

I protagonisti

Keith Jarrett
Keith Jarrett
Chick Corea
Chick Corea
Bill Frisell

Monsieur le Swing

Il jazz e l’Europa

Il cinema - IV cap.

La creazione ed il consolidamento di un mercato continentale ben più largo del semplice “culto” videro l’origine di una scommessa editoriale senza precedenti: la tedesca Ecm di Manfred Eicher, che dalla Baviera iniziò producendo i lavori, in alcuni casi eccezionali, di Keith Jarrett, Chick Corea, Gary Burton, Bill Frisell, Art Ensemble of Chicago, e che quindi da questa esperienza partirà per sviluppare una musica europea grande e raffinata, che valorizzerà i suoni del grande nord continentale, delle ex Repubbliche sovietiche, dell'Est crocevia di tradizioni ebraiche, culture ortodosse e ritmi orientali. Forse solo l’attuale avanguardia di downtown Manhattan riesce a competere con l’innovazione ECM, che negli anni ha inevitabilmente promosso a rango internazionale musicisti come Jan Garbarek, Terje Rypdal e Bobo Stenson.

Nel frattempo i festival jazz diventano prassi consolidata (Montreux e Umbria Jazz sono da decenni fenomeni di portata internazionale) e permettono di misurare, nel confronto sul palco con i grandi americani l’affermazione di una classe di musicisti europei di valore assoluto: impossibile non ricordare, oltre al vero e proprio vivaio di talenti ECM, la stella luminosa del pianista francese Michel Petrucciani, gli innumerevoli contributi di musicisti e gruppi inglesi, troppo numerosi per essere qui trattati e, perché no, la scena italiana.

Nel belpaese il pianista Giorgio Gaslini fu tra i primi seguaci del bebop in Italia, Franco D’Andrea ed Enrico Pierannunzi si formarono sulla linea di un hard bop di alto livello, e dopo di loro molti musicisti hanno contributo allo sviluppo di una scuola italiana del jazz, tutt’ora attivissima e forte anche di un ragguardevole retroterra teorico e critico (oltre alla figura di Mila, doverosa la citazione per Giancarlo Testoni, cofondatore nel 1945 di “Musica Jazz”, la più importante rivista italiana e di Arrigo Polillo, autore di un testo importante come “Jazz”, del 1975).

Anche il cinema fa la sua parte: lo straordinario e imprevisto successo della colonna sonora di “Ascenseur pour l’échafaud” fu l’inizio, in Francia, di una breve ma trionfale stagione di polizieschi e noir la cui musica era fornita proprio da alcuni tra i più celebri jazzisti statunitensi di passaggio a Parigi; un film insignificante come “Des Femmes Disparaissent”, un giallo del 1959 di Edouard Molinaro, sarebbe caduto immediatamente nel dimenticatoio, ma le immagini furono in questo caso accompagnate addirittura dalla splendida musica dei Jazz Messengers del batterista Art Blakey, in una delle sue formazioni più belle, con Lee Morgan alla tromba e Benny Golson al sax tenore.

Lo stesso Molinaro si riscatta però con il successivo lavoro, “Un Témoin dans la Ville” (“Appuntamento con il delitto”, 1960), interpretato da Lino Ventura e Sandra Milo, per il quale fu riunita un'autentica all-stars del jazz dell'epoca: dagli USA furono chiamati il trombettista Kenny Dorham e il pianista Duke Jordan, veterani del quintetto di Charlie Parker per essere affiancati al batterista Kenny Clarke, parisien d’adozione.

Truffaut e altri grandi non lesinano attenzioni al jazz e a metà degli anni ottanta arriviamo a “Round Midnight” di Bertrand Tavernier, esempio insuperato di un film jazz, non sul jazz: impresa in cui già molti erano caduti nel manierismo o nella sonnolenza, e per di più nell’obiettivo di dare una lettura psicologica, etica ed estetica del be-bop, che del jazz, dopo il free, è sicuramente il comparto più difficile.

Strana storia, quella della Francia di St. Germain des Prés e degli eroi del jazz, fatta di scambi ed influenze apparentemente impossibili: gli uni assumevano dal jazz la vitalità estrema e irregolare importata dagli estremi e irregolari come Boris Vian, gli altri cercavano un’ambita certificazione ed il fermo riferimento della musica colta, entrambi vissero e vivono una passione senza freni, spiegata solo un po’, come tutte le passioni che si rispettino, ed emblematicamente rappresentata dalla vicenda di Miles Davis e Juliette Greco: la cantante dell’esistenzialismo non conosceva una parola d’inglese, meno che mai quello che si parlava a St. Louis più che a Boston e a New York, per Miles il francese era un affascinante enigma. Eppure si amarono alla follia, con gli sguardi, le mani, i gesti. Poi finì, sappiamo quando, non il come né il perché, categorie dell’indagine sulla vita che le passioni mal sopportano, e Miles lasciò Parigi per tornare a casa, dove ebbe una violenta depressione, e di lì a poco fu intrappolato dall'eroina

Di pochi anni successivo a “Round midnight” lo struggente “Bix” di Pupi Avati, che pone al centro della scena la storia di uno di grandi pionieri del genere, che già nel suo cognome quasi impronunciabile, Beiderbecke, portava in eredità l’Europa della sua famiglia d’origine.

>>5. Il cerchio si chiude

I protagonisti

Art Ensemble of Chicago
Art Ensemble of Chicago
Jan Garbarek
Jan Garbarek

Da Youtube

Chick Corea Elektric Band - Umbria Jazz 2003

Il SITO

On line dal 29 settembre 2003, cresciuto nel corso degli anni ed ora "vola" ormai da solo.

Aperto a collaborazioni esterne (rarissime purtroppo), è stato voluto, costruito e scritto da me e da Starless, che ha contribuito per alcune recensioni musicali ed è l'autore della Storia del Progressive.

email

USABILITA' del SITO

Planando è realizzato secondo i canoni dell'accessibilità e le normative del W3C. in quanto credo che le informazioni contenute nella rete debbano essere usabili e leggibili da tutti.

Il linguaggio HTML.04 usato è scritto "a mano", senza l'ausilio di software. Sia il linguaggio HTML che i CSS hanno, ovviamente, passato il vaglio del W3C.

COPYRIGHT e NOTE LEGALI

Le finalità del sito sono puramente divulgative, improntate al libero scambio di idee sul web senza, per questo, contravvenire alle norme sul copyright. A tale scopo riporto il testo dell'art. 70, legge 633 dd 22 aprile 1941 (e successive modificazioni) "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", testo consolidato in vigore alla data del 29 aprile 2003: "1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."

Il sito contiene cover di album e foto di gruppi o di artisti, nonchè stralci brevissimi di testi: tutto ciò è stato reperito in rete, apparentemente apparentemente di pubblico dominio, liberamenti scaricabili ed utilizzabili nelle pagine WEB personali come le mie. Qualora qualcuno scoprisse la messa on line (a mia insaputa) di materiale coperto dal diritto di autore me lo segnali e provvederò immediatamente a rimuoverlo.

Se volete riportare testi o stralci di testo nel vostro sito, per favore contattatemi: sono disponibile al libero scambio di risorse, ma solo con siti che non ospitino materiale pornografico o comunque rivolto ad un pubblico esclusivamente adulto, materiale o frasi in qualche modo riconducibili al razzismo, nè contenga frasi o materiale istigante alla violenza contro qualsiasi essere vivente.

© Copyrights Rosalba Crosilla 2003 - all rights reserved