Monsieur le Swing - Il jazz e l’Europa

i capitoli

Monsieur le Swing

Il jazz e l’Europa

Il cerchio si chiude - V cap.

In ultimo dovremmo dire del grande debito che, all’opposto, il jazz ha verso musica colta europea, la conoscenza della quale era esibita come orgogliosa superiorità da molti jazzisti; ricordo molto bene, nelle biografie di Miles Davis, quanto l’iscrizione alla Juilliard School di New York rappresentasse un elemento di competizione sociale cui tendeva tutta la famiglia e quanto questo divenisse poi facilitazione estrema di rapporto ed integrazione con musicisti bianchi che a questo retroterra sempre si riferivano: esemplare, al riguardo, fu l’incontro di Davis con Bill Evans che permise al jazz di scrivere alcune delle pagine più belle della sua storia.

Non è un caso che spesso l’appassionato dell’uno lo sia anche dell’altra (chi scrive è fra questi) e ancora meno casuale è l’intreccio tra i due grandi domini musicali, che vanta referenze illimitate: già Scott Joplin, antesignano del jazz col suo ragtime, poneva al centro della sua composizione i collegamenti con la tradizione e la cultura africana e il riferimento a Wagner e alla tradizione romantica tedesca della metà dell’800. Per mia parte, ricordo con emozione quando, molto tempo dopo, ascoltando per la prima volta con un amico una delle composizioni più belle proprio di Bill Evans, ci sorprendemmo divertiti ad esclamare, nello stesso momento e con lo stesso stupore: “I Notturni di Chopin!” e di lì partì, quasi a scommessa, la gara a cogliere nei tanti dischi masticati fino all’esaurimento della puntina, gli incroci, i debiti e le ispirazioni che il jazz, nato negli anni tra il 1910 e il 1913 proprio quando il processo di rinnovamento della Musica Classica si esaurì, a questa deve comunque. Ma senza dimenticare di quanto a sua volta esso sia creditore della portata innovativa conferita ad ogni paese e tradizione ai quali si è applicato.

L’universalità dell’espressione e delle genti era nei genomi di questa musica, e nulla avrebbe potuto cambiare le cose: questa la risposta sicura che si evince tracciando il percorso del jazz dal traffico di schiavi nella Costa d’Oro alle pianure del sud statunitense e di qui oltre la Manica e Gibilterra, fino al ritorno di là dell’Atlantico e alla nuova ripartenza per i fiordi del nord o le pampas argentine. Impossibile afferrare il jazz, nel suo equilibrio di improvvisazione, unità di stile, internazionalità delle risorse. Facile riconoscerne le impronte, facilissimo goderne.

WebMichi Quartet

Gli Eternauti (viaggiatori del tempo e dello spazio con i quali si è instaurata una piacevole collaborazione) danno spesso vita a discussioni interessanti nelle quali l'individualità dei singolo "contendente", lungi dal frantumarla, arricchisce l'idea di fondo di nuove nuove sfumature ed approfondimenti. Monsieur le Swing nasce da uno di questi spesso lunghissimi scambi.

Nella firma (volutamente rappresentazione del "collaborative-working") si celano gli amici Ravel, El Aleph, Nick The Toll e WebMichi.

I protagonisti

Keith Jarrett
Scott Joplin

Il SITO

On line dal 29 settembre 2003, cresciuto nel corso degli anni ed ora "vola" ormai da solo.

Aperto a collaborazioni esterne (rarissime purtroppo), è stato voluto, costruito e scritto da me e da Starless, che ha contribuito per alcune recensioni musicali ed è l'autore della Storia del Progressive.

email

USABILITA' del SITO

Planando è realizzato secondo i canoni dell'accessibilità e le normative del W3C. in quanto credo che le informazioni contenute nella rete debbano essere usabili e leggibili da tutti.

Il linguaggio HTML.04 usato è scritto "a mano", senza l'ausilio di software. Sia il linguaggio HTML che i CSS hanno, ovviamente, passato il vaglio del W3C.

COPYRIGHT e NOTE LEGALI

Le finalità del sito sono puramente divulgative, improntate al libero scambio di idee sul web senza, per questo, contravvenire alle norme sul copyright. A tale scopo riporto il testo dell'art. 70, legge 633 dd 22 aprile 1941 (e successive modificazioni) "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", testo consolidato in vigore alla data del 29 aprile 2003: "1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."

Il sito contiene cover di album e foto di gruppi o di artisti, nonchè stralci brevissimi di testi: tutto ciò è stato reperito in rete, apparentemente apparentemente di pubblico dominio, liberamenti scaricabili ed utilizzabili nelle pagine WEB personali come le mie. Qualora qualcuno scoprisse la messa on line (a mia insaputa) di materiale coperto dal diritto di autore me lo segnali e provvederò immediatamente a rimuoverlo.

Se volete riportare testi o stralci di testo nel vostro sito, per favore contattatemi: sono disponibile al libero scambio di risorse, ma solo con siti che non ospitino materiale pornografico o comunque rivolto ad un pubblico esclusivamente adulto, materiale o frasi in qualche modo riconducibili al razzismo, nè contenga frasi o materiale istigante alla violenza contro qualsiasi essere vivente.

© Copyrights Rosalba Crosilla 2003 - all rights reserved