Altre pagine per i Moody Blues

Moody Blues

Concerto all'Heinechen Music Hall - Amsterdam

- la nostra recensione -

È il 15 ottobre 2008, Amsterdam ha il suo solito volto autunnale, fascinosa e intrigante. Libertà, emancipazione le sono propri da molti lustri, il tempo sembra quasi essersi fermato. È iniziato un altro secolo, un altro millennio, per ora, tuttavia, non è percepibile, gli eventi mi aiuteranno a capire cosa è cambiato nella Venezia del nord?

Stasera alle 20 e domani alla stessa ora suonerà una rockband, il suo nome: the Moody Blues! Il tempo si è davvero fermato .... L'appuntamento è all'Heinechen Music Hall.

Sono curioso, molto curioso. I Moody sono uno dei pochi gruppi partiti negli anni 60 che non ha mai interrotto l'attività concertistica, salvo la nota parentesi tra il 72 ed il 77.

La Music Heinehen Arena di Amsterdam ha circa 5000 posti riempirla sarà un problema ...

Con questi pensieri mi appresto a prendere l'autobus che mi condurrà alla Music Hall. C'è un bel movimento, al capolinea chiedo alcune informazioni nel mio inglese approssimativo e, costeggiando un pub, sento inconfondibile un brano dei Moody in sottofondo, è Gipsy (1969), qualcuno inizia evidentemente a scaldare i motori, sarà uno dei pochi nostalgici, penso. Pochi metri ancora, sono all'ingresso del Teatro, manca un quarto d'ora alle 20. L'ingresso è gremitissimo, stento a crederci. Una ressa impressionante, uomini e donne per la maggior parte dai 50 in su, ma anche quarantenni e trentenni con famiglia al seguito e dunque anche ragazzi e ragazze. Solo con l'aiuto di una hostess trovo il mio posto numerato, cinque minuti alle otto e la sala è colma in ogni ordine di posti. Quanto si faranno attendere i Moody? Una distinta Lady risponde alla mia domanda con cortesia: sono dei veri gentleman massimo alle 20,10 saranno sul palco. È proprio così, alle 20,10 Justin Hayward, John Lodge, Graeme Edge, Norda Mullen, Paul Bliss, Gordon Marshall e Bernie Barlow sono pronti ad iniziare.

Lovely too see you again my frends è il primo brano, il suono è pulito, la chitarra di Hayward impeccabile, la sua voce sempre calda e vigorosa, la band suona con trasporto. I brani si susseguono, la scaletta è molto diversa dall'ultima volta che li ho sentiti anche perchè la defezione di Ray Thomas ha costretto il gruppo a rinunciare ad alcuni classici. Il pubblico segue prestando attenzione ad ogni singola nota. Mi colpisce l'esecuzione di One more time to live, scritto da Lodge nel 71 in Every good boy deserves favour, è un pezzo non facile ed è la prima volta che lo eseguono dal vivo, molto suggestivo!

Gradatamente il pubblico si scalda il repertorio è ricchissimo, gli arrangiamenti molto rock, le chitarre sempre in primo piano, il flauto della Mullen degno del miglior Ray Thomas. Seguono Tuesday afternoon, Lean on me (Tonight), Never comes the days, Steppin' in a slide zone, The voice, I know you're out there somewhere. Quando iniziano le note di The story in your eyes, il pubblico è oramai parte dello show, la chitarra di Hayward scandisce assoli con una naturalezza tale da rendere difficile pensare che Justin ha varcato la soglia dei 60 anni. Graeme Edge non può avere il vigore di un tempo alle percussioni ma Gordon Marshall sa il fatto suo e Graeme può concedere la sua voce per Higher and higher e Late lament, la prima corredata da un minishow danzato, spassosissimo e molto autoironico. Seguono Your wildest dreams, Isn't life strange, The other side of life, Are you sitting comfortably?, December snow, I'm just a singer (in a rock & roll band) quest'ultima scritta nel 1972 per rispondere con onestà al pubblico americano che li vedeva portatori di un messaggio mistico. Segue Nights in white satin anche questa volta carica di un pathos ineguagliabile, sembra incredibile dopo tanti anni Justin ci mette ancora un trasporto che trascende gli animi e scatena una standing ovation di più di 5 minuti.

Alla mia destra sento delle urla: bravi, bravi, si in italiano. Mi presento e scopro che tre amiche romane, Tarsilla, Tania e Maria Grazia sono riuscite per la prima volta a partire per ascoltare i Moody, dopo aver sognato di farlo per almeno 30 anni. Mi presentano Giulio mio coetaneo con Marco suo figlio di 16 anni, sono cagliaritani, poi da Roma Elena con il figlio Dario 40 anni e la nipotina quattordicenne Angela, 3 generazioni! Insomma l'Italia c'è. Sulle note trascinanti di Question e di Ride my see-saw, cantate a squarciagola da un pubblico oramai incontenibile il concerto ha termine, i fans più affezionati si stringono intorno ai musicisti, Dario chiama John Lodge e gli dice: I came here from Rome to listen to you, risponde John: it's fantastic e gli dona il pletro usato durante la serata.

Riesco a procurarmi anche il biglietto per il giorno seguente (ormai che ci sono), la scaletta è leggermente diversa, una splendida esecuzione di Voices in the sky si aggiunge al repertorio, l'entusiasmo è lo stesso, l'80% del pubblico non era presente la sera prima, quasi diecimila persone attendevano i Moody Blues in Olanda.

Grazie ad un'intervista concessa alla stampa olandese, apprendo che è in preparazione un nuovo album studio e che la band pensa di continuare l'attività concertistica ancora per un pezzo.

Vado via con la sensazione di essere entrato per un po' in una dimensione speciale, insieme ai Rolling Stones, agli Who e al vecchio Paul (McCartney) i Moody Blues rappresentano lo zoccolo duro di una musica fuori dal tempo, dalle convenzioni e dalle etichette.

Ciao a tutti

Francesco Marcello

La discografia

1965Go Now!

1966The Magnificent Moodies

1967Days Of Future Passed

1968In Search of the Lost Chord

1969On The Threshold Of A Dream

1970To our Children's Children's Children

1970Question of Balance

1971Every Good Boy Deserves Favour

1972Seventh Sojourn

1977Caught Live + 5

1978Octave

1981Long Distance Voyager

1983The Present

1986The Other Side of Life

1987Prelude

1988Sur la Mer

1991Keys of the Kingdom

1993A night at Red Rocks with the Colorado Symphonic Orchestra

Il SITO

On line dal 29 settembre 2003, cresciuto nel corso degli anni ed ora "vola" ormai da solo.

Aperto a collaborazioni esterne (rarissime purtroppo), è stato voluto, costruito e scritto da me e da Starless, che ha contribuito per alcune recensioni musicali ed è l'autore della Storia del Progressive.

email

USABILITA' del SITO

Planando è realizzato secondo i canoni dell'accessibilità e le normative del W3C. in quanto credo che le informazioni contenute nella rete debbano essere usabili e leggibili da tutti.

Il linguaggio HTML.04 usato è scritto "a mano", senza l'ausilio di software. Sia il linguaggio HTML che i CSS hanno, ovviamente, passato il vaglio del W3C.

COPYRIGHT e NOTE LEGALI

Le finalità del sito sono puramente divulgative, improntate al libero scambio di idee sul web senza, per questo, contravvenire alle norme sul copyright. A tale scopo riporto il testo dell'art. 70, legge 633 dd 22 aprile 1941 (e successive modificazioni) "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", testo consolidato in vigore alla data del 29 aprile 2003: "1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."

Il sito contiene cover di album e foto di gruppi o di artisti, nonchè stralci brevissimi di testi: tutto ciò è stato reperito in rete, apparentemente apparentemente di pubblico dominio, liberamenti scaricabili ed utilizzabili nelle pagine WEB personali come le mie. Qualora qualcuno scoprisse la messa on line (a mia insaputa) di materiale coperto dal diritto di autore me lo segnali e provvederò immediatamente a rimuoverlo.

Se volete riportare testi o stralci di testo nel vostro sito, per favore contattatemi: sono disponibile al libero scambio di risorse, ma solo con siti che non ospitino materiale pornografico o comunque rivolto ad un pubblico esclusivamente adulto, materiale o frasi in qualche modo riconducibili al razzismo, nè contenga frasi o materiale istigante alla violenza contro qualsiasi essere vivente.

© Copyrights Rosalba Crosilla 2003 - all rights reserved