Altre pagine per i King Crimson

King Crimson: la storia del gruppo

King Crimson: discografia completa

In the Court of the Crimson King:
la track list

In the Court of the Crimson King: la copertina dell'album
  • 1. 21st Century Schizoid Man
    (Including Mirrors)
  • 2. I Talk To The Wind
  • 3. Epitaph
    ( Including March For No Reason And Tomorrow And Tomorrow)
  • 4. Moonchild
    (Including The Dream And The Illusion)
  • 5. The Court Of The Crimson King
    (Including The Return Of The Firewitch And The Dance Of The Puppets)

    • La formazione:
    • Robert Fripp: Guitar
    • Michael Giles: Drums, Percussion, Vocals
    • Greg Lake: Bass, Guitar, Lead Vocals
    • Ian Mcdonald: Reeds, Woodwinds, Vibes, Keyboards, Mellotron, Vocals
    • Peter Sinfield: Words And Illumination
    • Robin Thompson: Engineer
    • Barry Godber: Cover

In the Court of the Crimson King
(King Crimson)

la nostra recensione

Inizia il viaggio alla Corte del Re Cremisi.........

"In the Court of the Crimson King" è un classico senza età assolutamente da conoscere.

Forse difficile al primo approccio ma è una fatica che val la pena di fare.....

La leggenda narra………. che il 13 gennaio 1969, nelle cantine del Fulham Palace Café, di notte naturalmente, mentre per le strade nebbiose di Londra si aggiravano gli storici fantasmi, un musicista geniale quanto folle, “dittatore cervellotico” e viaggiatore di mondi paralleli (Robert Fripp) ed un poeta gotico e dolcissimo (Pete Sinfield), piegando ai loro voleri gli altri membri del gruppo, diedero alla luce quello che ancora oggi viene considerato uno dei pilastri del progressive-rock.Gli altri componenti erano Ian McDonald (voce, fiati e tastiere, compreso il mitico melletron); Greg Lake (voce e basso) che se ne andrà per fondare gli Emerson, Lake & Palmer; Michael Giles (voce e percussioni).

I personaggi erano ancora molto poco conosciuti con il nome di King Crimson

L’opera (a questo punto mi sento in obbligo di chiamarla così) è l’ancora nota e musicalmente attualissima “In the court of the Crimson King". Ancora poco conosciuti, ho detto…..Beh diciamo per niente conosciuti, visto che il loro esordio avverrà il 5 luglio del ’69, in Hyde Park, nel concerto con il quale i Rolling Stones commemorano la scomparsa (decisamente prematura) di Brian Jones. C’è chi parla di un pubblico di 200.000 persone, altri di 650.000 persone… sta di fatto che i King Crimson hanno un successo del tutto meritato, in ottobre esce l’album che li porta direttamente nell’empireo dei Grandi. 

Album storico, dicevo, quanto la sua copertina: nessuna scritta solo il disegno d’un volto dai colori improbabili, in primo piano una bocca spalancata in un urlo d’orrore muto, mentre gli occhi volti verso l’esterno sembrano cercare disperatamente una via di fuga. Dall’interno sorride il faccione bonario di una luna …. una mano aperta ci accoglie mentre l’altra si alza benedicente… gli occhi tristi sembrano dire: “Oh, figliolo, so tutto di te…” …. ma dal sorriso aperto sbucano due canini adunchi da vampiro ..............

Siamo entrati nel mondo del Re Cremisi……………  

21st CENTURY SCHIZOID MAN (comprendente anche MIRROR) - durata 6.52 

Attaccano violentemente chitarra e mellotron… poi la voce contraffatta che urla d’angoscia delirante

…….21century schizoid men………….

parole sconnesse che racchiudono il destino di un’umanità senza vie d’uscita. Folle pericoloso ….. entriamo in quel mondo che in fondo è ancora il nostro, vecchio di 40 anni ma sempre attuale…….La musica continua con chitarre che si lamentano … e sembra più jazz che rock… la batteria di Giles imperversa…… Urla, rabbia, dolore, follia in queste note…. E voglia di gridare e fuggire da un mondo malato……. Ripetitivo ….

Blood rack barbed wire
Politicians' funeral pyre
Innocents raped with napalm fire
Twenty first century schizoid man.

(Sangue, tortura, filo spinato
Pira funeraria dei politici
Innocenti violentati dal fuoco del napalm
Uomo schizoide del ventunesimo secolo)

Forse una luce c’è in fondo ad indicarci la strada, forse… con le note che si interrompono e ricominciano ritmiche, la batteria come un tam-tam nella giungla. I suoni incalzano, sembrano rincorrerci… alla fine maestosa, epica la musica è nuovamente preludio alla voce di ……………….

"21century schizoid men"………

ed è follia nuovamente……

I TALK TO THE WIND – durata 5.40

All’improvviso si cade nella dolcezza infinita della voce di Greg Lake, dell’oboe, di un flauto che vorrebbe riportarci indietro… in un tempo diverso….disillusione … senza meta, senza giuda … solo un volo in un universo di solitudine, forse….Tamburi che suonano al tempo del cuore e parole vuote al vento che tanto non sente

Said the straight man to the late man
"Where have you been?"
"I've been here and I've been there
And I've been in between.

I talk to the wind
My words are all carried away
I talk to the wind
The wind does not hear"

(Chiese la spalla -com'è la spalla in una coppia di comici- al morto
"Dove sei stato?"
"Son stato di quà e di là
e son stato in mezzo
Parlo al vento
e le mie parole vengono portate via
Parlo al vento
e il vento non può sentirle

….. E’ un volo fuori e dentro dal tempo…… in nessun luogo ed in tutti i luoghi contemporaneamente…. Oboe, vibrafono e flauto ci conducono per sentieri malinconici dove nessuna domanda trova risposta…..Da dove la tirano fuori questa dolcezza?

EPITAPH (comprese “March for no reason” e “Tomorrow and Tomorrow”) 

Senza stacchi apparenti ci troviamo su un altro sentiero e la musica che ci accompagna diventa epica e dolcissima……. Siamo trascinati dal fiume in piena del melletron …..

“Confusione sarà il mio epitaffio”

Between the iron gates of fate,
the seeds of time were sown,
tnd watered by the deeds of those
who know and who are known;
Knowledge is a deadly friend when no one sets the rules.
The fate of all mankind I see
Is in the hands of fools.

Confusion will be my epitaph.
As I crawl a cracked and broken path

(Tra i cancelli di ferro del fato
i semi del tempo vennero piantati
ed annaffiati dalle gesta di coloro
che conoscono e sono conosciuti
La conoscenza è un amico letale
quando nessuno fissa le regole
Il destino dell'interà umanità io vedo
è nelle mani dei pazzi (buffoni?)

Confusione sarà il mio epitaffio
mentre striscio su un sentiero accidentato e in rovina

…... tanto dolce quanto d’una tristezza senza speranza … le nostre sicurezze crollano ed il nostro destino è in mano ai pazzi, mentre il sole continua a brillare incontaminato dagli incubi umani …. Confusione sarà il mio epitaffio …… il “sapere” è un amico che conduce alla morte …..la musica ci porta nuovamente lontano……. in altri incubi………siamo nel mondo del Re Cremisi, nel modo dei folli che si accalcano alla porta delle nostre menti …. 

MOONCHILD (compresi “The dream” e “The illusion”) – durata 12.09 

Continua la sinfonia sulle note della dolcezza… il figlio della luna ci porta in un paesaggio fatato popolato da fantasmi ed attendiamo insieme che il sorriso del figlio del sole venga a liberarci dall’oscurità… Ma è il pezzo meno lineare di tutto l’album e presto ci troviamo ad annaspare tra percussioni e suoni dissonanti … presi dal vortice la speranza è riuscir a vedere la luce …… 

THE COURT OF THE CRIMSON KING ( compresi “The return of the fire witch” e “The dance of the puppets”) – durata 8.48  

La visione di Fripp ci ha condotto in un mondo antico e sofferto, la chitarra e il mellotron maestoso si alternano al flauto, mentre la voce di Lake, suadente e dolcissima, ci narra la continuazione del viaggio…... Il mondo dei King Crimson è popolato da figure fantastiche perfettamente descritte dalla musica: una melodia dolce che deride le sofferenze di un mondo da incubo ……. E anche se la luna che imprigionava con le sue catene è stata sconfitta dal sole …….. anche se la strada per la quale ci incamminiamo è ormai diversa, ciò che ci attende non è liberazione e luce. Oltre i cancelli del Regno di Re Cremisi a regger le fila, con mano gentile, è il buffone di corte……..  



E’ un album che mi segue dal 1971 (anno della sua uscita in Italia). A quel tempo i King Crimson venivano guardati con diffidenza: la loro musica era “strana”, difficile, “stonata”. Io non ne sapevo niente di rock progressivo, comprai l’album proprio perché attratta dalla particolarità del gruppo e (ebbene sì, a 15 anni rientra nella logica delle cose!) dalla particolare e angosciante bellezza della copertina.

Era una musica insolita, per me, eppure il mondo dove mi portava, così vasto, epico, incredibile, mi affascinò a tal punto da farmela amare.

“Epitaph” divenne “mio” e continua ad esserlo.

La forza, la rabbia, la violenza e la dolcezza infinite che il “folle” seppe scrivere rimangono inalterate nel tempo: 43 anni sono passati per tutti, non per questa musica……………………

Rosalba Crosilla

Le Recensioni

:: In The Court Of The Crimson King

:: In the wake of Poseidon

:: Starless and Bible Black

:: Red

Da Youtube

King Crimson - 21st Century Schizoid Man (live in Hyde Park 1969)

Il SITO

On line dal 29 settembre 2003, cresciuto nel corso degli anni ed ora "vola" ormai da solo.

Aperto a collaborazioni esterne (rarissime purtroppo), è stato voluto, costruito e scritto da me e da Starless, che ha contribuito per alcune recensioni musicali ed è l'autore della Storia del Progressive.

email

USABILITA' del SITO

Planando è realizzato secondo i canoni dell'accessibilità e le normative del W3C. in quanto credo che le informazioni contenute nella rete debbano essere usabili e leggibili da tutti.

Il linguaggio HTML.04 usato è scritto "a mano", senza l'ausilio di software. Sia il linguaggio HTML che i CSS hanno, ovviamente, passato il vaglio del W3C.

COPYRIGHT e NOTE LEGALI

Le finalità del sito sono puramente divulgative, improntate al libero scambio di idee sul web senza, per questo, contravvenire alle norme sul copyright. A tale scopo riporto il testo dell'art. 70, legge 633 dd 22 aprile 1941 (e successive modificazioni) "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", testo consolidato in vigore alla data del 29 aprile 2003: "1. Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali."

Il sito contiene cover di album e foto di gruppi o di artisti, nonchè stralci brevissimi di testi: tutto ciò è stato reperito in rete, apparentemente apparentemente di pubblico dominio, liberamenti scaricabili ed utilizzabili nelle pagine WEB personali come le mie. Qualora qualcuno scoprisse la messa on line (a mia insaputa) di materiale coperto dal diritto di autore me lo segnali e provvederò immediatamente a rimuoverlo.

Se volete riportare testi o stralci di testo nel vostro sito, per favore contattatemi: sono disponibile al libero scambio di risorse, ma solo con siti che non ospitino materiale pornografico o comunque rivolto ad un pubblico esclusivamente adulto, materiale o frasi in qualche modo riconducibili al razzismo, nè contenga frasi o materiale istigante alla violenza contro qualsiasi essere vivente.

© Copyrights Rosalba Crosilla 2003 - all rights reserved